Covid e povertà. Rapporto Caritas "Aumentano i nuovi poveri, sono donne con figli. Ma anche piccoli commercianti e lavoratori autonomi"

di redazione 17/10/2020 ECONOMIA E WELFARE
img

Nel periodo maggio-settembre 2020, confrontato con gli stessi mesi del 2019, l'incidenza dei "nuovi poveri" per effetto dell'emergenza Covid passa dal 31% al 45%: "quasi una persona su due che si rivolge alla Caritas lo fa per la prima volta". Lo afferma la stessa Caritas nel Rapporto Povertà. Aumenta in particolare il peso delle famiglie con minori, delle donne, dei giovani, dei nuclei di italiani che risultano in maggioranza (52% rispetto al 47,9 % dello scorso anno) e delle persone in età lavorativa.

Nei tre mesi più difficili dell'emergenza Covid, da aprile a giugno di quest'anno, la Caritas ha assistito 450mila persone; una su tre era la prima volta che si rivolgeva all'ente di beneficienza.

Tra le file degli assistiti sono arrivati anche i piccoli commercianti e i lavoratori autonomi: oltre 2mila di loro sono stati aiutati da Caritas.

Aumenta in particolare il peso delle famiglie con minori, delle donne, dei giovani, dei nuclei italiani e delle persone in età lavorativa, cala invece la grande marginalità. Si intravede dunque l’ipotesi di una nuova fase di “normalizzazione” della povertà”. Così come accadde dopo lo shock finanziario del 2008. Tuttavia. scrivono i ricercatori del centro studi Caritas “a fare la differenza, rispetto a 12 anni fa, è il punto da cui si parte: nell’Italia pre-pandemia il numero dei poveri assoluti è il doppio rispetto al 2007, alla vigilia del crollo di Lehman Brothers”. In generale l’utenza delle Caritas diocesane è aumentato del 12% nel 2020 rispetto al 2019, dunque pre-pandemia.
 

 

Al di là dei dati, comunque, è l’identikit della povertà la parte più interessante del rapporto Caritas 2020. Il numero delle donne che hanno chiesto aiuto da maggio a settembre, subito dopo il lockdown, sono state il 54,4% contro il 50,5% del 2019. Il numero dei giovani tra 18 e 34 anni è passato dal 20% al 22,7%, gli italiani sono oggi il 52% dei poveri, contro il 47,9% del 2019, hanno dunque superato gli stranieri. Il numero di famiglie impoverite con parenti a carico, poi, genitori anziani, infermi è passata dal 52,3% del 2019 al 58,3% di questi ultimi mesi. Tra i motivi principali di caduta del reddito la perdita del lavoro. Tanti piccoli commercianti e lavoratori autonomi, ad esempio. "Rispetto a questo fronte le Caritas diocesane hanno erogato sostegni economici specifici, in ben 136 diocesi sono stati attivati fondi dedicati, utili a sostenere le spese più urgenti (affitto degli immobili, rate del mutuo, utenze, acquisti utili alla ripartenza dell'attività). Complessivamente sono stati 2.073 i piccoli commercianti e lavoratori autonomi accompagnati in questo tempo". Ma in  tutto, tra aprile e giugno le Caritas hanno assistito 450mila persone, di queste una su due non si era mai rivolta prima, ai centri di ascolto.
 
Uno scenario che fa paura. La Caritas offre uno spicchio di società italiana che di certo indica la tendenza, ma, così si legge anche nel rapporto, c’è un pezzo di mondo disagiato che da questi dati resta fuori. Rispetto alle misure prese dal Governo per fronteggiare la crisi, nei mesi di giugno e luglio 2020, il Rem è risultata la misura più richiesta (26,3%), ma il numero delle domande accettate è stato più basso rispetto all’accettazione delle domande per il bonus lavoratori domestici (61,9%), all’indennità per i lavoratori stagionali (58,3%), e al bonus per i lavoratori flessibili (53,8%). Troppo difficile presentare le domande di “Rem” e infatti il numero di quelle accettate, si legge nel rapporto, aumenta per chi si è fatto aiutare a compilarle dai volontari dei centri di ascolto.

Perché la solidarietà esiste. E se molte famiglie hanno potuto evitare il tracollo è stato grazie ai 196mila pasti delle mense, ai fondi diocesani che hanno aiutato 92mila nuclei singoli, ai 418mila cui sono stati consegnati mascherine e kit igienizzanti  distribuiti da 62mila volontari. Una macchina potente ed efficace. Purtroppo però la seconda fase della pandemia è già iniziata e così il rischio di nuove emergenze economiche.



Ti potrebbero interessare

Speciali