Misteri di Roma. Il Mausoleo degli Equinozi

#SegretidiRoma

di Rosanna Pilolli 01/10/2017 CULTURA E SOCIETÀ
img

L’Appia antica, la “regina viarum” era la strada imperiale degli antichi romani tracciata nel 312 avanti Cristo sulla quale si raccoglievano i monumenti e le ville maggiormente prestigiose e piene di ricchezze d’arte. Come ad esempio la Villa di Massenzio, la Tomba di Cecilia Metella Lungo le prime miglia sorgevano numerose installazioni funerarie lussuose  ma anche più modeste volute dai primi collegi dedicati al seppellimento dei morti poveri  seguendo la legge che vietava di seppellire i morti  entro la cinta sacra del Pomerio. E qui fra il terzo e il quarto miglio dell’Appia esiste tuttora ed è visitabile un monumento misterioso: il “Mausoleo o sepolcro degli Equinozi” nel quale durante gli Equinozi si verificano tuttora fenomeni luminosi.

Non è stata una scoperta attualissima se Giovanni Battista Piranesi a metà del 1700 lo ha chiamato “Sepolcro ignoto” e ne ha disegnato la pianta appena iniziata la produzione delle “vedute di Roma”. Ne è seguito un altro restauro agli inizi del 1900 e ancor negli anni trenta del secolo.

 Avvengono durante gli equinozi fenomeni inspiegabili ma certamente voluti dall’architetto del Monumento oppure direttamente ordinati dal suo committente del quale non si conosce né il nome né la ragione della maestosa costruzione funerari.

Nei giorni dell’equinozio il Sole entrando dal’unica finestra a “bocca di lupo” situata di fronte all’ingresso illumina con una spada di luce potentissima il pavimento in un punto esatto. I fenomeni luminosi del Mausoleo indicavano il momento preciso dell’Equinozio durante il quale si svolgevano i rituali legati al culto dei morti.

Dunque una data precisa e un punto esatto della pavimentazione. Ci si chiede quali ricordi portava dentro di sé chi aveva ordinato il Monumento e a quale persona legata alla data dell’Equinozio  era dedicata la perenne lama di luce. O si è trattato del messaggio esoterico lanciato perennemente nei giorni fatati e maggiormente magici degli Equinozi. 


Tags:




Ti potrebbero interessare