Vaccini. Almeno 30 mila i bambini non vaccinati. Possibili Problemi per l'accesso alle attività didattiche

di redazione 10/03/2018 ECONOMIA E WELFARE
img

Potrebbero essere circa 30mila i bambini sotto i sei anni non in regola con la documentazione per le vaccinazioni, ma di questi è impossibile sapere quanti non saranno ammessi a scuola, perchè ogni Regione si comporterà in modo diverso. Lo afferma il past president della Societa' italiana di Igiene Carlo Signorelli alla vigilia della scadenza del termine del 10 marzo per la presentazione dei certificati vaccinali necessari per evitare l'esclusione da nidi e materne. 

"Al momento numeri certi non ce ne sono - sottolinea l'esperto -, l'unica base di partenza sono i 120mila in arretrato nelle coorti 2011-2015 calcolati dal ministero della Salute quando è stata approvata la legge. Di questi circa un terzo era già stato recuperato a ottobre 2017, e si può stimare che ancora circa 30mila non siano in regola. Difficilmente però non verranno riammessi a scuola, ci sono Regioni che hanno una proroga perchè hanno l'anagrafe vaccinale, altre che danno un appuntamento d'ufficio quando mandano la lettera di richiamo ai genitori. Come minimo ci dovrebbe essere un ultimo colloquio con la Asl prima di arrivare all'esclusione. I conti si potranno fare solo a giugno". La stima è almeno nell'ordine di grandezza confermata dai alcuni dati provvisori forniti dalle Regioni, secondo cui ad esempio in Piemonte sono circa 1200 i bimbi a rischio, mentre in Veneto ai primi di febbraio erano 8800. I primi dati sugli effetti della legge sono comunque positivi. "La sensazione è che ci sia stato un bel recupero - conferma Signorelli -, l'obbligo ha agito sia sui genitori esitanti sia sulle strutture, che si sono trovate per effetto della legge sull'obbligo e del nuovo piano vaccinale a dover fare il doppio delle vaccinazioni rispetto al passato. I disservizi che si sono riscontrati sono stati minimi rispetto al carico a cui sono stati chiamati i centri vaccinali, che in quasi tutti i casi sono riusciti a far fronte alla domanda pur non avendo risorse aggiuntive".

L'ingresso dei bimbi nei nidi e nelle materne potrebbe essere oggi suscettibile di brutte sorprese: i genitori che fossero sprovvisti della certificazione dell'avvenuta vaccinazione o della prenotazione in una Asl rischiano di veder negare l'entrata dei propri piccoli nelle aule. Lo ha precisato ieri l'Associazione nazionale presidi.

"Da lunedì (oggi, ndr) si mette in moto il meccanismo previsto dalla circolare congiunta dei ministeri della Salute e dell'Istruzione". Lo ha detto il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), Walter Ricciardi, riferendosi a quanto prevede la circolare del 27 febbraio 2018, che fissava al 10 marzo il termine della consegna dei documenti relativi alle vaccinazioni in asili nido, materne e scuola dell'obbligo.

Il meccanismo che scatterà a partire da lunedì mattina prevede che i dirigenti scolastici debbano inviare una comunicazione scritta alle famiglie i cui bambini non sono in regola con le vaccinazioni, invitandole a presentare i relativi documenti. Se questo non avverrà i bambini di asili nido e materne non saranno ammessi a scuola fino alla presentazione della documentazione richiesta.

La scadenza del 10 marzo è quindi improrogabile e da domani i presidi che hanno già le informazioni relative ai bambini non in regola con le vaccinazioni potranno convocare le famiglie o trasmettere loro una comunicazione scritta. In questo caso i bambini di asili nido e scuole materne che non sono stati vaccinati e che non sono in lista d'attesa per esserlo non potranno entrare finchè la loro situazione non sarà regolarizzata.

I tempi in cui questo accadrà dipenderanno da scuola a scuola. Ad esempio, si prevede che i tempi possano essere più rapidi nelle Regioni che hanno adottato l'anagrafe vaccinale: in questo caso le scuole ricevono direttamente dalle Asl la situazione relativa a quanti sono in regola con le vaccinazioni. Dove l'anagrafe vaccinale ancora non c'è è invece la scuola a dover raccogliere la documentazione dalle famiglie e questo potrebbe richiedere tempi più lunghi. In ogni caso a partire da domani i dirigenti scolastici avranno tempo fino al 20 marzo per inviare alle famiglie dei bambini non vaccinati la comunicazione formale che le inviti a provvedere alla vaccinazione.

intanto tutte le Regioni hanno attivato l'offerta di vaccini prevista dal nuovo Piano Vaccinale varato nel 2017, fatta eccezione per l'immunizzazione per l'Hpv, uniformando così i calendari in tutto il paese. Lo afferma una ricognizione fatta dalla Società Italiana di Pediatria (Sip) a un anno dall'introduzione del piano, pubblicata sulla rivista della società. Il piano, spiegano gli esperti, prevedeva per il 2017 l'introduzione della vaccinazione antimeningococcica B e anti varicella ai nuovi nati e il vaccino anti-meningococco tetravalente ACW135Y per gli adolescenti, oltre all'Hpv per i maschi a partire dagli 11 anni. Per il 2018 invece è prevista l'introduzione della vaccinazione antirotavirus per i nuovi nati. Dalle cartine elaborate dalla Sip si vede che tutte le regioni hanno recepito il piano, e molte hanno fatto anche di più, prevedendo offerte ulteriori gratuite o in copayment di vaccinazioni anche ai bimbi più grandi che non ne hanno diritto. Unica eccezione l'Hpv, la cui chiamata non è ancora partita in Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte. "Tutte le Regioni hanno centrato gli obiettivi previsti per il 2017 anche se permane qualche differenza - affermano gli esperti Sip -. Se avessimo fatto questa indagine solo un anno fa la cartina dell'Italia avrebbe avuto molti più colori, avremmo avuto un "Arlecchino" per tipologia di vaccini offerti, di beneficiari, per la gratuità o meno dell'offerta, persino all'interno della stessa Regione"


Tags:




Ti potrebbero interessare

Speciali