Donna malata di Sla decide di dire basta alla ventilazione meccanica. E' la prima volta dall'entrata in vigore del Biotestamento

di redazione 05/02/2018 CULTURA E SOCIETÀ
img

Avrebbe compiuto nei prossimi giorni 50 anni e dal 2012 era affetta dalla Sla. E' morta sabato nella sua casa di Nuoro dopo avere manifestatoper quattro volte - così come prescrive la legge - davanti a un'equipe di medici e due testimoni, la volontà di rinunciare alla ventilazione meccanica. E' il primo di caso di 'morte assistita' di cui si è venuti a conoscenza dall'entrata in vigore della nuova legge, il 31 gennaio scorso.

Patrizia Cocco, 49 anni, titolare, fino a che ha potuto lavorare, di un'agenzia di viaggi era determinata nella sua volontà anche dopo un tentativo, purtroppo senza esito, di entrare in un progetto sperimentale di cura la Niguarda di Milano. Così il suo legale si era rivolto al giudice tutelare di Nuoro per ottenere l'autorizzazione per l'assistenza medica ma l'approvazione della nuova normativa da parte del Parlamento ha anticipato la decisione del magistrato. Sabato scorso attorno all'una è stata avviata la procedura alla presenza, oltre che dei testimoni, di psicologo, palliativista, rianimatore, anestesista e medico di base. Alla donna è stata praticata la sedazione profonda per poi essere 'estubata': in pratica è stata fermata la ventilazione meccanica per cui Patrizia senza provare dolore è morta in modo 'naturale'. Ieri i funerali nella chiesa di san Domenico Savio.


"E' stata una scelta di Patrizia molto lucida e coraggiosa - ha detto l'avvocato della paziente e suo cugino Sebastian Cocco -. La nuova legge permette ai medici di dare subito esecuzione alla volontà del paziente senza doversi rivolgere al giudice come succedeva prima della sua entrata in vigore e così a Patrizia è stato permesso di fare la sua scelta". E ha aggiunto: "La legge, che tutela il diritto alla salute, alla dignità e all'autodeterminazione, Patrizia Cocco la aspettava da anni, da quando sentiva di essere imprigionata nella malattia dentro la quale sopravviveva a una vita che lei in quelle condizioni non voleva più vivere".


Tags:




Ti potrebbero interessare

Speciali