A Venezia stop alle grandi navi da crociera.

di redazione 07/11/2017 AMBIENTE
img

Venezia, le grandi navi non passeranno più dal canale della Giudecca e dal bacino di San Marco. L'annuncio che mette la parola 'fine' a un dibattito che andava avanti da tempo è stato dato dal ministro dei Trasporti e delle Infrastruttire, Graziano Delrio, al termine del 'Comitatone': il comitato interministeriale che si è tenuto oggi a Roma nella sede del dicastero.

Nell'arco di tre, quattro anni le navi oltre le 55mila tonnellate non passeranno più davanti a San Marco, ma approderanno a Porto Marghera attraverso il canale di Malamocco: "Saremo così in grado - ha sottolineato il sottosegretario Pier Paolo Baretta - di garantire la salvaguardia della città. Una decisione necessaria, che era ora prendere per dare risposta ad anni di dibattiti, polemiche, battaglie".

Il ministro ha spiegato che il progetto non interferirà con il traffico commerciale. "Le due realtà possono coesistere in questa fase transitoria fino a quando il terminal di Marghera sarà attrezzato. Metteremo in campo una nuova determinazione dell'autorità Marittima per disciplinare il traffico temporaneo con nuovi criteri che tengano conto di tutte le variabili architettoniche paesaggistiche ambientali per preservare al massimo la laguna. Continuiamo a studiare ed esplorare la possibilità di sfruttare gli attuali canali perché non se ne scavino di nuovi".

Le crociere, dunque, lasceranno lentamente il bacino e il canale della Giudecca e si fermeranno a Marghera, in attesa di ulteriori analisi e studi sul canale Vittorio Emanuele che potrebbe portare le imbarcazioni fino alla stazione marittima. "Non vogliamo modificarne la forma  - ha detto ancora Delrio - e cercheremo di sfruttare al massimo le sue potenzialità".

La soluzione Marghera, essendo già prevista e compatibile con le attuali previsioni del piano portuale richiederà fra i 3 e 4 anni, un orizzonte temporale non molto lungo - ha proseguito il ministro - e il periodo transitorio sarà di tre anni e mezzo circa. Per le navi oltre le 55mila tonnellate e fino a 96mila (un segmento intermedio che sta andando fuori ordinativo, non ne costruiscono più) la nostra intenzione è farle approdare passando attraverso il canale di Malamocco. Se il canale Vittorio Emanuele sarà praticabile potranno arrivare fino alla Marittima".

Immediata la reazione del M5s che boccia la scelta: "E' una decisione sbagliata che danneggerà in maniera irreversibile l'equilibrio morfologico della stessa laguna di Venezia, già profondamente compromesso a causa della permanenza dei giganti del mare all'interno dell'area lagunare. Non possiamo accettare una decisione imposta dall'alto senza un confronto con chi a Venezia ci vive e lavora: ricordiamo al ministro Delrio che solo un anno fa il progetto di un terminal a Marghera dell'ex assessore D'Agostino aveva già ricevuto una prima bocciatura dalla commissione di via del ministero dell'Ambiente, che lo aveva giudicato incompleto, profondamente carente di un inquadramento generale ambientale e non relazionato alle attività in essere". A dirlo i deputati veneti grillini Arianna Spessotto, Marco Da Villa ed Emanuele Cozzolino.



Ti potrebbero interessare

Speciali