Il giro d'Italia di mister Davide Nicola. Partito da Crotone per onorare la promessa in caso di salvezza della squadra , attraverso la Penisola fino a Torino

di redazione 19/06/2017 SPORT
img

Si è conclusa in maniera trionfale l'avventura di Davide Nicola. L'allenatore del Crotone ha compiuto la passerella che lo ha portato da Asti a Torino (stadio Filadelfia) con l'appendice della prosecuzione verso Vigone, scortato dal suo team e dai suoi figli. Sin dalla mattinata c'è stata grande allegria all'interno del team per la consapevolezza di aver compiuto una vera e propria impresa. Dal brindisi prima della partenza, tipico di ogni grande Giro che si rispetti, alla gara in piscina pre-partenza. Poi la sfilata verso Torino e l'arrivo allo stadio Filadelfia dove in tantissimi hanno voluto omaggiare Nicola.

Carrellata di selfie, premiazione con medaglia e poi via di nuovo in bici verso Vigone dove Nicola ha potuto riabbracciare la sua famiglia e concludere questa promessa nata quasi per gioco ma poi diventata straordinaria realtà. L'allenatore del Crotone, per l'occasione, ha indossato una maglia della Onlus di Marina Romoli. Ora il meritato riposo prima di entrare nel vivo della nuova stagione calcistica.

Simboli, e città amate incontrate nella sua carriera. Davide Nicola e il suo gruppo sono partiti dallo stadio Ezio Scida di Crotone, teatro della salvezza, per poi passare da Bari, Pescara e Ancona. Poi il trasferimento in auto verso Livorno, e le tappe per La Spezia, Genova e Torino. Il team di mister Nicola, i suoi ciclisti "gregari" e il nostro Enrico Giancarli hanno avuto modo anche di rendere omaggio a Michele Scarponi, lo sfortunato ciclista rimasto ucciso nel corso di un incidente stradale a Filottrano.

Il viaggio dell’allenatore del Crotone ha avuto il patrocinio dell’Associazione italiana familiari vittime della Strada, della Federazione Italiana Amici della bicicletta. Onlus in prima linea anche nella promozione della mobilità sicura e sostenibile su strada. Fra le iniziative in essere, Aifvs è impegnata in un’opera di sensibilizzazione tesa all’ufficializzazionedella la Giornata Onu del ricordo delle vittime della strada, una ricorrenza che rivestirebbe un altissimo valore sociale, non soltanto simbolico, per sostenere il ricordo delle vittime di incidenti e diffondere l’importanza della prevenzione e della sicurezza su strada, con lo slogan "Precedenza alla vita, sempre".



Ti potrebbero interessare

Speciali