Nobel per la pace ai giornalisti Ressa e Muratov. "Riconosciuti i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione"

di redazione 08/10/2021 CULTURA E SOCIETÀ
img

I Nobel per la pace ai due giornalisti, la filippina Maria Ressa ed il russo Dmitry Muratov, sono stati assegnati "per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che è una condizione preliminare per la democrazia e una pace duratura".

Dmitri Muratov ha dedicato il Premio Nobel per la Pace al giornale da lui diretto, Novaya Gazeta, e ai sei giornalisti della testata che sono stati uccisi. Lo riporta la Tass. "Vi dirò questo: non è merito mio."

E' Novaya Gazeta. Sono quelli che sono morti difendendo il diritto delle persone alla libertà di parola. Siccome loro non sono con noi, probabilmente hanno deciso che sia io a dirlo a tutti", ha detto Muratov alla Tass.

Dmitri Muratov ha affermato che avrebbe dato il premio all'oppositore russo in carcere Alexiei Navalny. "Avrei votato per la persona su cui contavano i bookmaker, ma penso che questa persona abbia tutto davanti. Mi riferisco ad Alexiei Navalny", ha detto Muratov.

"Noi possiamo congratularci con Dmitri Muratov, egli lavora costantemente seguendo i suoi ideali, è devoto ai suoi ideali, ha talento, ha coraggio e naturalmente si tratta di un alto riconoscimento, noi ci congratuliamo con lui": ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, commentando l'assegnazione del Nobel per la Pace al direttore del giornale Novaya Gazeta, Dmitri Muratov, secondo quanto riporta Ria Novosti.



Ti potrebbero interessare

Speciali